Home » , , » Poesie Gesù Bambino

Poesie Gesù Bambino


GESU’ BAMBINO E’ NATO 
Gesù bambino è nato,
gli angeli dal cielo l'han portato
nella povera capanna
tra le braccia della mamma.

Bello, biondo e ricciolino,
benedice ogni bambino,
ed ascolta con amore
la preghiera del suo cuore.


GESU’ BAMBINO 

Gesù bambino, stammi vicino
stendi la mano fa' che sia sano.

Proteggi sempre babbo e mammina
veglia dal cielo la mia casina.

Fa' che sia docile, tranquillo e buono
ai miei capricci dammi il perdono.

Mattina e sera accogli tu
la mia preghiera, bambin Gesù!





INVITO A GESU’ BAMBINO

Vieni Gesù bambino,
a riposare il tuo capino
sul guanciale del mio lettino;
vieni vieni, che t'aspetto;
vieni vieni, non tardare
senza te non posso stare.

A GESU’ BAMBINO 

Dalla tua culla, o adorato Bambino
Tendi L'orecchio un momentino.
Mi senti?
Povere e deboli son le mie parole
Ma piene di fervido amore.
Esse dicono soltanto:
"Concedi, Gesù santo
ogni Grazia e tanto amore
al babbo, alla mamma e al mio cuore".



TUTTI VANNO ALLA CAPANNA 
Tutti vanno alla capanna
a vedere cosa c'è:
c'è un bambin che fa la nanna,
tra le braccia della mamma.

Oh! Se avessi un biscottino
da donare a quel bambino!
Biscottino non ce l'ho,
tutto il cuor gli donerò!



HO NEL CUORE UN PRESEPE 

Ho nel cuore un presepe
senz'angeli a volo,
con solo…con solo
un vagito di bimbo.
Non voglio pastori,
né greggi sui monti,
ma un mazzo di cuori e pupille
di volti africani,
cinesi ed indiani.

Ho nel cuore
un presepe da nulla;
una culla
un bimbo sconsolato,
un pellirossa a lato
che lo scalda col fiato,
e poi, con aria tranquilla,
un moretto lo ninna.

E il bimbo Gesù
non piange più.


LA POVERA CULLA 

La notte è scura e brulla:
sei sceso da lassù
e non hai altra culla
che questa, o mio Gesù?

O povero: soltanto
un po' di fredda paglia,
ma il tuo sorriso incanta,
ma il tuo splendore abbaglia.

Dunque è vero, Signore:
santa è la povertà.
Stanotte nel mio cuore
fiorisce l'umiltà


HO SAGNATO 

Ho sognato che il Bambino
venne presso il mio lettino
e mi disse dolcemente:
"Per Natale non vuoi niente?"
Io pensai per prima cosa
a te mamma sì amorosa
a te babbo, buono tanto,
e gli dissi: "Gesù santo,
babbo e mamma benedici, 
fa' che sempre sian felici!".



in Natale trovi anche:
Avvento storia del Natale fiabe di Natale lettere di Babbo Natale Natale nel mondo Babbo Natale

SHARE