Pioppi al tramonto (di G. Vaj Pedotti)


Io so chi colora 
di rosso, nell'ora 
già prossima a sera, 
il cielo, soffuso d'un pallido blu: 
i giovani pioppi 
a specchio nell'acqua laggiù. 

Li ho visti piegare il pennello 
dell'agile chioma 
e intingerlo dentro il ruscello 
di liquida porpora, sempre a quell'ora. 

Poi, subito ritti, con zelo 
svettando, striare di rosso 
la pagina chiara del cielo. 

So' ancora 
che l'ultimo pioppo del fosso, 
nel suo folleggiare monello, 
si lascia sfuggire talora 
qua e là qualche macchia vermiglia 
che a nube sospesa somiglia. 

E allora i fratelli 
gli fanno a rimprovero un vivo brusio... 
che poi lentamente si smorza 
nel sonno che avvolge 
le cose di Dio.

SHARE