Home » » Cappuccetto Verde (di Bruno Munari)

Cappuccetto Verde (di Bruno Munari)


In una piccola casetta in mezzo a un prato, abitava Cappuccetto Verde. E’ una bambina tanto buona e simpatica. Un giorno sua mamma le mise in testa un cappuccetto fatto di foglie verdi, molto ridicolo, ma a Cappuccetto piaceva piaceva tanto che lo teneva sempre in testa: se lo toglieva solo quando andava a dormire.

Una rana, di nome Verdocchia, è molto amica di Cappuccetto Verde e giocano sempre assieme. Ma Cappuccetto Verde ha anche altri amici e amiche: c’è Zip che è una cavalletta verde, e ha questo nome perchè all’improvviso salta via come una molla.

Poi c’è Giuseppa la tartaruga e Pisellina la lumaca che fanno sempre delle gare di velocità, e Zip scherza con loro saltando sull’una o sull’altra. La mamma di Cappuccetto Verde ha un regalino da portare alla nonna Cicalina che abita in un’altra casetta dopo il bosco: è un bel cestino fatto di rami verdi intrecciati, con dentro una bottiglia di menta, del prezzemolo, dell’insalata, un pacchettino di carta verde a disegni verdi con dentro del tè di menta.

- Portami questo cestino alla nonna,- dice la mamma a Cappuccetto Verde, e Cappuccetto si mette il vestitino verde, le scarpine verdi, con le calzine verdi.

- Mi raccomando,- dice la mamma, - quando attraversi il bosco stai attenta ai pericoli, guarda dove metti i piedi, non perdere la strada, non disturbare le formiche e torna indietro presto.

- Vieni con me Verdocchia, - dice Cappuccetto Verde. Poi dà un bacio alla mamma ed esce dalla sua casa per andare dalla nonna.

Dopo pochi passi, ecco che si vede subito il bosco con la sua luce verde. Cappuccetto cammina con passo sicuro, portando il cestino con dentro la roba per la nonna.

Come è bello il bosco: ci sono foglie dappertutto,davanti dietro sopra e sotto,foglie di ogni tipo, strette larghe lunghe, coi dentini o lisce, foglie che pungono, foglie morbide...

La rana Verdocchia si diverte a saltare come una matta, salta sulle grandi foglie, salta sui sassi, salta sull’erba. Cappuccetto Verde cammina svelta ascoltando il cinguettio degli uccelli.

Il bosco diventa sempre più pieno.

Cappuccetto va per il suo sentiero.

Cappuccetto passa dietro una grande roccia.

Il lupo!...La bestiaccia nera vuole spaventare Cappuccetto Verde per rubarle il cestino: Salta fuori all’improvviso da dietro la roccia dove si era nascosta. Ma per fortuna era la fine del bosco e Cappuccetto Verde corre fuori dove il lupo non va perchè ha paura di essere visto e preso dalla gente. Il lupo segue Cappuccetto Verde con lo sguardo rabbioso, nascosto dietro un cespuglio, e già pensa di saltarle addosso quando sarà arrivata a casa della nonna. Cappuccetto corre verso la casa della nonna. Ma dov’è Verdocchia? La rana non c’è più. Dove sarà? Dove sarà la rana Verdocchia?

-Presto presto, venite tutti,- dice Verdocchia ai suoi amici. – Cappuccetto Verde è in pericolo, c’è il lupo, corriamo a salvarla!

E via tutti in un balzo.

All’improvviso il lupo è assalito dalle rane. Non capisce cosa succede, cerca di acchiapparle con le sue zampacce, si agita, si dimena, e intanto le rane le rane lo assaltano da tutte le parti, gli saltano sul muso sono più svelte di lui. Il lupo crede che siano tante e tante, come un grande temporale, e alla fine ha il fiato grosso, gli gira la testa, sta male.

Intanto Cappuccetto Verde è arrivata a casa della nonna. Il lupo tutto sbuffante si allontana. Verdocchia lo minaccia ancora. Via! Via!

Cappuccetto suona il campanello ed entra nella casa.

La nonna ha visto tutto e ha preparato un buon tè di menta per Cappuccetto e per i suoi amici. Le rane si accomodano dove vogliono.

Cappuccetto Verde ha, nella casa della nonna Cicalina, un suo tavolino piccolino con una tovaglia a pallini, una sua seggiolina, e una sua bibliotechina nella biblioteca della nonna.

Tutti bevono il tè con molto zucchero: una rana non vuole zucchero. Tutti si riposano un poco, prima di ritornare.

- Senza zucchero, per favore.-

Ecco Cappuccetto Verde che torna a casa, attraversa ancora il bosco assieme alla sua amica rana e agli altri ranocchietti che anche loro tornano a casa. Ormai Cappuccetto non ha più paura del lupo perchè sa che ha tanti amici.

Arrivati a casa,Cappuccetto e Verdocchia raccontano alla mamma la loro avventura. Cappuccetto racconta bene tutta la storia e Verdocchia fa vedere come ha fatto a spaventare il lupo.

- Quel brutto lupo cattivo non si farà più vedere, - dice la mamma, - ormai ha preso una paura che non gli passerà tanto presto: una paura che prima non sapeva neanche esistesse.

- Voglio sentire anch’io, - dice la tartaruga che è arrivata tardi.

SHARE