Home » » Storie di fantasmi per il dopocena (Jerome K. Jerome)

Storie di fantasmi per il dopocena (Jerome K. Jerome)

INTERMEZZO

Bevemmo dell'altro ponce, poi il curato ci raccontò una storia.

Non riuscii a trovare né capo né coda, nella storia del curato, quindi non posso riferirvela. Tutti noi non riuscimmo a trovare né capo né coda in quella storia. Era una storia abbastanza valida, per quanto riguardava il materiale. Sembrava ci fosse un ricchissimo intreccio, e avvenimenti sufficienti a scrivere una dozzina di romanzi. Non avevo mai sentito una storia che comprendesse tanti avvenimenti, né che avesse a che fare con tanti personaggi diversi.

Dovrei dire che ogni essere umano che il nostro curato avesse mai conosciuto, o incontrato, o di cui avesse sentito parlare, fu inserito in quella storia. Ce n'erano semplicemente a centinaia. Ogni cinque secondi, introduceva nella storia un mucchio di personaggi sfornati di fresco, accompagnati da una serie di avvenimenti nuovi di zecca.

Era una storia più o meno così:

- Beh, poi mio zio andò in giardino a prendere il fucile, ma, naturalmente, questo non era lì e Scroggins disse che non ci credeva.

- Non credeva a cosa? Chi è Scroggins?

- Scroggins! Oh, beh, era l'altro uomo, sapete... era sua moglie.

- "Cosa", era sua moglie?! E che c'entra "lei"?

- Beh, ve lo sto appunto dicendo. Fu lei a trovare il cappello. Era venuta su a Londra sua cugina; sua cugina era mia cognata, e l'altra nipote aveva sposato un uomo di nome Evans, ed Evans, dopo che tutto fu finito, aveva passato la scatola a Mister Jacobs, perché il padre di Jacobs aveva visto l'uomo, quando era vivo, e, quando fu morto, Joseph...

- Aspetti un momento. Lasci perdere Evans e la scatola; che ne è stato di suo zio e del fucile?

- Il fucile! Quale fucile?

- Come, il fucile, che suo zio teneva sempre in giardino, e che non era lì. Cosa ne fece? Ci uccise qualcuna di queste persone, questi Jacobs, ed Evans, e Scroggins, e Joseph? Perché, se l'ha fatto, ha fatto un buon lavoro, un lavoro utile, e a noi piacerebbe molto saperlo.

- No, oh no: come poteva? Era stato murato vivo, sapete, e quando Edoardo Quarto ne parlò all'abate, mia sorella disse che, nel suo attuale stato di salute, non poteva e non voleva, perché avrebbe messo in pericolo la vita del bambino. Così lo battezzarono Horatio, come il figlio di lei, che era stato ucciso a Waterloo, prima che egli nascesse e lo stesso Lord Napier disse...

- Senta un po', sa di che cosa sta parlando?- gli chiedemmo, a questo punto.

- No - disse, ma sapeva che era vero, parola per parola, perché sua zia l'aveva visto con i suoi occhi. Allora lo coprimmo con la tovaglia, e si addormentò.

E poi lo zio ci raccontò una storia. Disse che la sua era una storia veramente successa.

SHARE