Home » » La bambina foca

La bambina foca


Selkies (conosciute anche come silkies o selchies) sono creature mitologiche della mitologia irlandese, islandese, e scozzese che possono trasformarsi da foche a donne nelle notti di luna piena. La leggenda ha origine nelle Isole Orcadi (in inglese Orkney Islands) e "selkie" significa semplicemente foca nella lingua di quelle isole. Ci sono varie leggende sulle Selkie, alcune narrano che gli umani non si accorgono di vivere con una selkie e si risvegliano la mattina scoprendo che la loro partner è sparita, altre leggende narrano che rubando il manto di una selkie si può trattenerla dal tornare in mare. Una leggenda narra che molto tempo fa, un pescatore di nome Roderic, mentre stava pescando, udì delle voci provenienti dalla spiaggia. Andò a dare un'occhiata e vide delle persone che ballavano. Erano selkies. Tornando a casa vide una bellissima pelle di foca e la portò con sé. Sentì bussare, era una di quelle selkie. Roderic le chiese di sposarlo e lei accettò. Ebbero anche dei bambini e un giorno la selkie trovò la sua pelle di foca. Ritornò in mare, la sua vera casa. (da wikipedia.org)

Martin gettò la rete in mare dalla sua barca da pesca, sembrava una gigante ragnatela. Mentre aspettava che si riempisse di pesci guardava le foche sulle rocce. Dopo qualche ora l'uomo tirò la sua rete, ormeggiò la sua barca e cominciò a camminare verso casa, ma, passando accanto alle rocce notò che le foche avevano lasciato un piccolo fagotto.
"E' una bambina!" esclamò Martin. Accanto alla bamba c'era una pelle di foca.
"Questo deve essere una bambina Selkie," sussurrò Martin. Aveva sentito i pescatori raccontano storie di bellissime creature chiamate Selkies, si trattava di foche che togliendosi la pelle potevano prendere sembianze umane.

Martin prese la bimba in braccio e infilò la pelle di foca sotto il cappotto e corse a casa. Aprì la porta e gridò a sua moglie, "Sela! Il mare ci ha dato un bambino."

Sela prese la bambina dalle braccia di Martin e disse: "E 'bellissima".

"Chiamiamola Morgan", disse Martin. "Significa dono del mare.'"

Martin non disse alla moglie che Morgan era una bambina Selkie e che una volta cresciuta avrebbe potuto desiderare di tornare in mare, invece nascose la piccola pelle in un baule in soffitta

Morgan crebbe e divenne una bellissima bimba, insieme a Sela amavano trascorrere la giornate nuotando mentre Martin pescava e le osservava dalla sua barca.

"E' una nuotatrice brava quasi quanto sua madre", pensò l'uomo. "Dirò a Sela la verità su Morgan appena torno dal mio lungo viaggio di pesca."

Il giorno seguente il pescatore partì per il suo viaggio, ma  una tempesta si avvicinò alla costa.

Morgan guardò fuori dalla finestra della cucina. "Mi piacerebbe andare a nuotare."
"Non si può fare il bagno durante una tempesta", disse Sela. "E 'troppo pericoloso."
"Sono sicura che sotto le onde è calmo", disse Morgan.

La mattina dopo, Sela e Morgan  ritrovarono i pezzi della barca di Martin sulla spiaggia, l'uomo non sarebbe più tornato a casa.

Quella notte, un'altra tempesta si avvicinò alla costa. Quando Sela si addormentò sentì una voce familiare sussurrare: "Io non potrò riposare fino a quando vi dirò la verità!"

"Morgan!" gridò Sela spaventata, corse nella stanza della figlia, un fulmine la illuminò, e la donna si accorse che il letto era vuoto, guardò in tutte le stanze ma della bambina non c'era traccia.

Quando la donna si fermò davanti alla porta della soffitta, la maniglia della porta si voltò lentamente, tremando vide la porta aprirsi e sussurrò: "Morgan! Morgan! Sei qui dentro?"

Non ci fu risposta, così lei rapidamente chiuse la porta a chiave e cominciò a piangere disperata. Il vento era sempre più forte, Sela corse giù per le scale guardò attraverso la finestra della cucina e vide Morgan in piedi sulle rocce vicino all'acqua. Sela corse inciampando sulla pesante sabbia bagnata, spesse nubi di tempesta coprivano la luna.

"Mamma", disse Morgan. "Ti senti mai come se non appartenessi a  questo mondo?"
Sela scosse la testa e disse: "Io appartengo a questo mondo come te."

Morgan e Sela tornarono a casa, la madre andò a prendere un asciugamano per la figlia ma sopra di lei sentì Stomp, Stomp, Stomp.

"Qualcuno è al piano di sopra," sussultò.

Creeaakk! Sela riconobbe la porta della soffitta si stava aprendo, accese una candela e salì lentamente su per le scale, la porta della soffitta era aperta.

"Resta qui", disse alla figlia, ed entrò.

"Mamma!" Morgan piangendo sbirciò all'interno della soffitta.

Sela rimase immobile, qualcosa si era mosso, un baule improvvisamente scivolò verso di lei, si chinò e lo aprì, sentì qualcosa di freddo e umido all'interno, lo sollevò e vide la pelle di un piccolo di foca.

"Vieni con me!" disse  Sela . Afferrò la mano tremante di Morgan e la condusse giù per tre rampe di scale al piano interrato e mostrò a sua figlia il segreto del suo passato, spostò una pila di scatole e trovò una grande cassa.
"Ho nascosto questa qui dentro anni fa", spiegò alla bambina e tirò fuori una pelle di foca.
"Che cos'è?" sussurrò Morgan.
"E 'una pelle di foca," rispose la donna. "Sono un Selkie."
"Questa è la tua pelle sigillo," Sela mostrò a Morgan la pelle più piccola. "Tuo padre sapeva che eri un Selkie ma non sapeva come dirmelo."

Sela raccontò come da giovane si era innamorata di Martin e di come aveva nascosto la sua pelle sigillo senza che lui lo sapesse.
"Ho sempre desiderato tornare al mare", disse a Morgan, "ma non avrei mai potuto lasciarti, ma stasera vedremo quanto il mare sia calmo sotto le onde."

Sela e Morgan corsero alla spiaggia e scivolarono nelle loro pelli di foca, appena cominciarono a nuotare videro una barca familiare trascinata dalla marea alla deriva.

"Guarda, mamma," sussurrò Morgan. "Sembra la barca di papà."

Sela alzò gli occhi e vide la figura spettrale di suo marito in piedi sul ponte della barca.Un'onda schizzò sopra le due foche, ma quando asciugarono l'acqua dai loro occhi, la barca non c'era più.

SHARE