Home » » La piccola stanza

La piccola stanza



Maria e Claudia salirono i gradini del vagone, le sorelle avevano cambiato treno a Montpelier, ora stavano prendendo un treno alla ferrovia centrale di Vermont. Erano in viaggio per vedere le loro zie che vivevano in una casa molto vecchia vicino Highgate Springs. 

"Sono contento che finalmente porremo fine al nostro disaccordo" disse Maria. 
"Anch'io, speriamo che le zie ci permetteranno di vedere la camera." 

Mentre il treno rombava lungo il fiume Winsooki, Maria e Claudia parlavano delle visite che avevano fatto a casa delle zie durante la loro infanzia. 

"Ogni volta che passavo accanto alla porticina vicino alla cucina, vedevo un sole splendente sotto", disse Maria. "Un giorno, ho tranquillamente aperto la porta, la stanza era piena di sole, c'era una grande finestra, l’'arredamento era stato dipinto a colori vivaci, c'erano conchiglie ovunque". 

"Sei andato dentro?" chiese Claudia. 

"Ci ho provato," disse Maria. "Ho aperto la porta una volta, ma zia Bedelia mi vide e gridò: 'Vieni via da lì in questo istante!' Non ho mai più avuto il coraggio di aprirla. " 

"Ricordo la stanza", disse Claudia. "Non era affatto come la ricordi tu, quando ero piccola sotto quella porta soffiava una fresca brezza e quel vento portava l’odore dei fiori. Un giorno, ho aperto la porta. La stanza era fresca e buia, tende di velluto rosso coprivano la finestra, le pareti erano tappezzate con una bella carta da parati, c’erano vasi di rose rosse, era il loro il profumo che si sentiva quando il vento passava sotto la porta.” 

"Sei mai entrata dentro la stanza?" Chiese Maria. 

Claudia scosse la testa. "Ci provai, ma zia Magnolia arrivò dietro di me e gridò: 'Vieni via da lì in questo istante!' Non ho mai avuto il coraggio di aprire la porta di nuovo ". 

"Non è strano? Ricordiamo la stanza in modo diverso", disse Maria. 

"Mi chiedo perché le zie non volessero farci entrare nella stanza", disse Claudia. 

"E'un bel mistero," rispose Maria. 

Il treno correva e cigolava lungo i binari. 

"Sarà bello vedere la zia Bedelia e zia Magnolia di nuovo", disse Claudia. 

"Mi chiedo se siano cambiate molto da quando le abbiamo viste l'ultima volta," disse Maria. 

"Spero solo che finalmente riusciremo a vedere la stanza", rispose Claudia. 

Maria e Claudia presero un taxi per la vecchia casa in cui vivevano le loro zie, le due erano in piedi sotto il portico quando le nipoti arrivarono, le ragazze corsero ad abbracciarle. 

Maria disse: "Speriamo che possiate risolvere un mistero per noi. Entrambe abbiamo uno strano ricordo della porta accanto alla cucina. Io ricordo una stanza piena di sole e di conchiglie, Claudia ricorda una stanza piena di una fresca brezza, di ombre e di rose . Chi ha ragione? " 

Le zie si guardarono, zia Bedelia disse: "Probabilmente siete abbastanza grandi per capire. Magnolia, per favore predi la lampada." 

Zia Magnolia si alzò in piedi e prese una lampada ad olio dalla tavola. 

Zia Bedelia disse: "La stanza che vi ricordate non ha né conchiglie né rose, venite a dare un'occhiata." 

Le due giovani donne seguivano le zie alla porta accanto alla cucina. Zia Magnolia teneva la lampada e zia Bedelia aprì la porta. 

Claudia e Maria videro le scale della cantina. Nel centro della cantina c’era una lapide di legno con su scritto: 

Shelly e Rose 
31 dicembre 1948 

Maria e Claudia fissarono la targa. 

"Una notte d'inverno, quando noi avevamo circa l’età che avete voi adesso, ci fu una terribile tempesta di neve. Sentimmo bussare alla porta, era una giovane donna, aveva un piccolo bambino che era avvolto in uno scialle. "  Zia Magnolia continuò la storia. "Portammo dentro lei e il suo bambino, erano quasi congelati, li mettemmo a letto con delle coperte, accendemmo il fuoco per rendere la stanza più calda, gli preparammo una zuppa calda. Facemmo del nostro meglio per prenderci cura di loro ma al mattino erano entrambi morti nel sonno. " 

Zia Bedelia disse: "Non sapevamo cosa fare, era inverno e il terreno fuori era gelato, abbiamo dovuto seppellirli in cantina, il terreno era più morbido perché era stato riscaldato dalla casa. La ragazza aveva in mano un biglietto, 'Prenditi cura del mio Rose -. Shelly' " 

Zia Magnolia scosse la testa e disse: "In alcuni giorni questa è solo la nostra cantina con una lapide di legno nel centro, altri giorni, si trasforma in una stanza piena di sole e conchiglie, altri giorni, diventa una stanza piena di rose e ombre". 

“Avete mai scoperto chi erano?" Claudia chiese. 

Zia Bedelia rispose: "Non siamo riusciti a trovare nessuno che la conoscesse. Tutto quello che avevamo era il biglietto che teneva in mano." 

Zia Magnolia disse: "Penso che la ragazza sappia che abbiamo cercato di aiutarla, ogni volta che la stanza appare, c'è un senso di felicità." 

"Se la stanza è ampia e luminosa, viene voglia di ballare e cantare. Se la stanza è piena di rose, ci si sente tranquilli," disse zia Bedelia. 

Maria, Claudia, zia Bedelia, e zia Magnolia tornarono su per le scale. 

"Non sapevo che la casa fosse infestata, mi avrebbe spaventato quando ero piccola," disse Maria. 

"È per questo che non volevamo farvi andare nella stanza", disse zia Bedelia. 

"Non volevamo farvi spaventare", disse zia Magnolia. 

Appena le ragazze e le zie tornarono in cucina, i gradini cominciarono a svanire.  Se avessero guardato indietro, avrebbero visto che la camera era luminosa e soleggiata, c’erano molte conchiglie sparse, c’erano vasi di rose rosse profumate sui tavoli, una giovane donna seduta in una sedia a dondolo che cantava dolcemente per un piccolo bambino.

Scritto da  Leslie Lindecker, Illustrato da Nan Brooks

SHARE