I tre pesci

Alla vista dei pescatori, tre pesci reagiscono diversamente.

Un tempo tre pesci vivevano in uno stagno. Una sera, alcuni pescatori passarono per lo stagno e videro i pesci. “Questo stagno è pieno di pesci”, dissero. “Non abbiamo mai pescato qui prima. Dobbiamo tornare domani mattina con le nostre reti e catturare questi pesci!”. Così dicendo, i pescatori se ne andarono.

Quando il maggiore dei tre pesci sentì queste parole ne fu molto preoccupato. Chiamò gli altri pesci a raccolta e disse: “Avete sentito cos’hanno detto i pescatori? Dobbiamo lasciare subito lo stagno. I pescatori torneranno domani e ci uccideranno!” Il secondo dei tre pesci era d’accordo. “Hai ragione”, disse. “Dobbiamo lasciare lo stagno.” Ma il più giovane rise. “Vi state preoccupando senza motivo. Abbiamo vissuto in questo stagno tutta la vita, e nessun pescatore è mai venuto qui. Perché questi uomini dovrebbero tornare? Io non andrò da nessuna parte – la mia buona sorte mi proteggerà.”

La sera stessa il più anziano dei pesci lasciò il laghetto con tutta la sua famiglia. Il mattino successivo il secondo pesce vide i pescatori che stavano arrivando e lasciò immediatamente il laghetto con tutta la sua famiglia. Ancora una volta il terzo pesce si rifiutò di lasciare il laghetto. I pescatori arrivarono e catturarono tutti i pesci rimasti nello stagno. La sorte del terzo pesce non lo aiutò – anche lui fu catturato e ucciso.

Il pesce che ha percepito guai in vista e ha agito prima che arrivassero, così come il pesce che ha agito non appena i guai sono arrivati, sono sopravvissuti entrambi. Ma il pesce che confidava solo sulla sua buona sorte e non ha fatto nulla è morto. Così succede anche nella vita.

SHARE