Il Sole e il Vento

In autunno si sa che pazzo è il tempo, ora piove, ora è bello, or splende il sole, or distende la bella Iride il lembo del suo vestito, avviso a chi viaggia di portarsi per strada un buon mantello. Balzana nominarono gli antichi una stagion siffatta, in cui mai troppe le previdenze son del pellegrino.

Un di questi era uscito un giorno appunto ben riparato contro ogni incostanza della stagione, in un doppio tabarro di buona stoffa, allor che disse il Vento al Sole: - Ecco, costui, per quel ch'io veggo, ha provvisto assai ben contro gli eventi, ma non pensò ch'io so gonfiar le guance e con tanto soffiar impeto e forza, che strappo anche i bottoni; o vuoi ch'io provi a togliergli di dosso e con un colpo al diavolo mandar quel suo tabarro? Vuoi vedere? così potremo un poco al bel volo godercela fra noi -.
Senza tante parole a lui rispose il Sole: - Anzi fra noi facciam scommessa a chi prima saprà scoprir le spalle del galantuomo. A te, comincia primo, ch'io mi lascio soffiar anche sul viso -.
Bastò il dirlo che il vento in un momento tien la scommessa e s'empie e si rigonfia, come un pallon, di nebbie e di vapori, e soffia e fischia e zufola e tempesta, innanzi polveroso va superbo, e comignoli schianta e manda a picco più d'una nave in mar per il capriccio d'un ferraiol, ahimè! Presto sul corpo il suo mantel si strinse il viandante, sì che il vento non entri. Invan s'insinua questo dentro le pieghe e sotto il bavero, ché l'uom prudente ancor più stretto attagliasi il panno al dosso, e fu tempo perduto. Trascorso il tempo suo, cedette il Vento il gioco al Sol, che dissipa in un tratto le nebbie e mostra il suo faccion lucente, e tanto scalda al galantuom la schiena, che sudato alla fin questi si tolse il palandrano. Fu potente il Sole, facendo men di ciò ch'ei puote; indizio che la dolcezza vince ogni furore.


SHARE